Camera Santa

(Nota: Foto superior, tomada por “Ediciones Moro”)

Alfonso II il Casto, che si è sempre considerato un “umile servo di Cristo”, fece costruire, nel IX secolo, la “Camera Santa”, formata da due cappelle sovrapposte, e senza alcuni tipo di comunicazione tra loro. Quella inferiore è la “Cripta di Santa Leocadia” , mentre la superiore è quella di San Michele; nome che le venne imposto perché addossata alla Torre di San Michele, edificazione precedente e uno delle poche vestigia rimaste del palazzo dei re d’Asturia.

Questa torre è visibile oggi dalla “Cappella di Nostra Signora di Covadonga” all’’inizio dell’absidiola della Cattedrale – incrostata nelle sua mura. Nel XII secolo, questa cappella superiore subì una profonda trasformazione. Venne sostituita la volta originale di legno, tipica del pre-romanico, con una a botte, e vennero aggiunte al suo interno delle colonne decorate con l’apostolato romanico, quasi a significare che l’apostolato romanico sostiene il tetto della cappella, così come gli apostoli sono le “colonne della Chiesa”, come ci ricorda un bellissimo inno liturgico. Il re pio, costruendo questo edificio, volle che vi venissero custodite le sante reliquie fatte portare dal vicino Monsacro.

Tali reliquie erano arrivate in Asturia da Toledo – dove erano state trasferite “da diversi luoghi” dai cristiani, per evitare che cadessero nelle mani degli arabi, dopo la sconfitta dell’esercito visigoto a Guadalete. La più insigne di tutte è il Santo Sudario che, secondo la tradizione, fu collocato sul volto di Cristo quando venne deposto dalla croce fino alla sua sepoltura definitiva.

La contemplazione di questo lenzuolo santo ci ricorda che “attraverso il suo sangue abbiamo ricevuto la redenzione e il perdono dei peccati”. In questo stesso luogo si conservano anche le croci degli Angeli e della Vittoria. La prima è insegna della chiesa e della città di Oviedo, la seconda del Principato delle Asturie. Giacché queste reliquie sono custodite nella Camera Santa da tempi diremmo immemorabili, la cattedrale di Oviedo è chiamata “Sancta Ovetensis”.

Uso de cookies

Este sitio web utiliza cookies para que usted tenga la mejor experiencia de usuario. Si continúa navegando está dando su consentimiento para la aceptación de las mencionadas cookies y la aceptación de nuestra política de cookies, pinche el enlace para mayor información.

ACEPTAR