Archivio della Cattedrale- Storia

L’Archivio Capitolare è il repositorio o deposito della Memoria viva della Cattedrale di Oviedo.
La Chiesa, sin dai primi secoli, ha lasciato traccia della sua fondazione e sviluppo attraverso dei documenti, che ne testimoniano la Storia. È così che sono nati gli Archivi Ecclesiastici.
La storia dell’Archivio è così antica come gli inizi del complesso chiamato Cattedrale, giacché il documento più antico risale all’803 (Donazione di Fakilo).

Al di là delle vicissitudini storiche comuni, ha sofferto numerose perdite e depredazioni nel corso della Storia: ricordiamo le vicende dell’invasione francese del 1808, oltre alle perdite durante la Prima Repubblica (1869) e soprattutto durante la Guerra Civile (1936-1937), quando andò perduta l’antica classificazione dell’Archivio, registrata nel Libro Maestro, nell’Armadio dell’Arcidiaconato o “Armadio Piccolo”, realizzato nel 1729, e nell’Armadio Grande, secondo le indicazioni attaccate ai cassetti.
Altre vicissitudini dell’Archivio sono state riportate nel libro dell’Archivista Capitolare Don Raul Arias del Valle: il manoscritto dell’Archivio Capitolare di Oviedo (Inventario-Indice) (Oviedo 1993), da dove abbiamo estrapolato alcuni aspetti che aiutano a profilare la Storia dell’Archivio:

“…si erano scuriti e mancavano alcuni documenti, per questo meritano delle censure generali: quelli che li hanno presi, che li restituiscano; e quelli che hanno gli originali, che dichiarino la data, il contenuto e l’archivio in cui si trovano, per poter prendere quelli che mancano e fossero necessari”

Il 3 settembre 1715 si accordò che la nomina ad Archivista venisse fatta con delle schede e un salario di 6000 maravedì.

“…si accordò che l’Amministratore della Fabbrica riparasse l’Archivio Alto, per renderlo più riparato e proteggere meglio i documenti”. (L’archivio Alto è il locale in comunicazione con la Sala Capitolare, da dove vi si accede)

L’accordo del 6 ottobre 1725 esprime quanto segue in merito al Libro Maestro, la cui copia in tre volumi è attualmente conservata nell’Archivio:

“…si votò e si accordò di dare 10 dobloni a ogni Archivista e che si faccia un Libro Maestro e convennero di farlo, pagando degli amanuensi, essendo necessarie tre persone: una per scrivere, una per dettare e un per togliere e rimettere gli strumenti a posto, dando loro un libro in bianco , di buona carta fatta a mano”

Nel 1791 l’Archivio della Cattedrale si trasferisce all’antico Gymnasium con accesso dal Chiostro Gotico. Nelle carte dell’Uffici contabile – archivio, si trova questo paragrafo:
“…per quanto si osservò, a tale proposito, per questo Ufficio contabile e Archivio, l’antico Ginnasio e si trovano già collocati in esso le scatole e le mensole con i documenti e gli strumenti dell’antico Archivio. Non si innova niente di particolare”

Nel 1860 si incaricarono i contabili – archivisti Don Juan de la Cruz Ceruelo de Velasco e Don Pedro Fernández Caneja di confezionare l’interessantissimo “indice della Libreria Gotica della Santa Chiesa di Oviedo”, iniziandolo con la citazione di San Giovanni (6-10) che offre questo testo: “Colligite fragmenta ne pereant” (Raccogliete i frammenti affinché non periscano).
Il 26 gennaio 1869 si produsse l’incameramento dell’archivio, come registrato negli Atti Capitolari nei seguenti termini:

“…incameramento rivoluzionario di tutti i libri dell’Archivio da parte del Governatore Civile”

Nel 1929 Don Claudio Sánchez Albornoz, riferendosi all’Archivio Capitolare di Oviedo, si esprime così:
“…lo zelante guardiano del Tesoro della Cattedrale di Oviedo, Sandoval, si è arreso ancora una volta al nostro assalto. Grazie alla sua amabilissima condiscendenza, all’iniziativa del Vescovo della Diocesi (Don Juan Bautista Luis Pérez) e ai lavori dello stesso Sandoval e di García Villafa e di Sierra Corella, oggi possiamo consultare in modo ordinato i fondi dell’Archivio del Capitolo di Oviedo”.
Nel corso della storia, i Canonici Capitolari di Oviedo si sono sempre preoccupati di salvare i “Libri e i Documenti” che costituiscono il ricco Archivio Capitolare di Oviedo.

 

Uso de cookies

Este sitio web utiliza cookies para que usted tenga la mejor experiencia de usuario. Si continúa navegando está dando su consentimiento para la aceptación de las mencionadas cookies y la aceptación de nuestra política de cookies, pinche el enlace para mayor información.

ACEPTAR